Immagine news: 

Venerdì 14 dicembre a Bologna presso il Cinema Lumière si terrà un evento dedicato alle Foreste Vetuste del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi.

Di seguito si riportal’introduzione al libro le Foreste Vetuste del Parco Nazionale.

L’opinione di Fabio Clauser sulle Foreste vetuste

Siamo in un momento critico per l’avvenire dei nostri boschi. Da una parte la comunità scientifica internazionale rivela ogni giorno qualcosa in più dell’ancor tanto misterioso sistema ecologico che noi chiamiamo “bosco”: con particolari anche sorprendenti per quanto riguarda le foreste vetuste, la loro meravigliosa e complessa e stabile organizzazione. Un grande aiuto per comprendere meglio le nostre relazioni con l’ambiente in cui vorremmo vivere nel modo migliore, un esempio da seguire per una buona selvicoltura produttiva rispettosa della natura. Che altro può essere una selvicoltura naturalistica? Dall’altra parte i nostri centri di ricerca e sperimentazione forestale ufficiali partono dall’assunto che per il bene del bosco sia necessario mantenerlo giovane, molto giovane rispetto all’età che gli alberi della foresta possono raggiungere ancora in buona salute. Se non si fa una gestione attiva del bosco in questo senso, sostengono, il bosco deperisce, con conseguenze negative anche dal punto di vista idrogeologico. Come opinione, sia pur bizzarra, è certo legittima. Il guaio è che sulla base di questo principio aprioristico è stata impostata ed approvata una nuova legge forestale che di fatto liberalizza tagli diffusi. Per di più, superando ogni immaginazione giuridica, impone ai proprietari di fare questi tagli salutari. È esattamente il contrario di quanto le scienze naturali ci stanno raccomandando e, modestamente, di tutto quanto nella mia lunga esperienza di selvicoltore mi è stato possibile osservare. Questo libretto divulgativo così ben composto da testi aggiornati alle più recenti informazioni scientifiche, arricchito da una affascinante iconografia consentirà, tra l’altro, ad un vasto pubblico di farsi una opinione ben fondata nel merito della questione dibattuta. Sarà facile rendersi conto di quanto preziosa sia la conservazione di una foresta vetusta: un esempio vivente di come il legislatore ed il selvicoltore si dovrebbero orientare per il bene di tutti.

Fabio Clauser, ideatore della Riserva Integrale di Sasso Fratino e Amministratore delle Foreste Casentinesi dal 1955 al 1973